CHI GIOCA:

Possono giocare tutti coloro che si iscrivono presso i Comitati Uisp o presso le società affiliate organizzatori di ogni singola tappa, senza distinzione di sesso e nazionalità; senza limiti di età, di tesseramento e di eventuale serie di appartenenza (per i tesserati FIP), secondo quanto disposto dal Consiglio Nazionale UISP in materia di tutela sanitaria.

LE SQUADRE:

Ogni squadra è composta di un minimo di tre giocatori ed un massimo di quattro giocatori (3 + 1 riserva). Le squadre composte da tre giocatori non potranno in nessun caso effettuare sostituzione, neanche se uno dei giocatori per infortunio o qualsiasi altro motivo dovesse abbandonare una singola gara o l’intero torneo.

LA FORMULA DEL TORNEO:

E’ data libertà agli organizzatori di ogni singola tappa di adottare le formule più opportune per lo svolgimento del torneo.

IL CAMPO DI GIOCO:

E’ costituito da una superficie di dimensioni minime di ml. 14 x 14, con un solo canestro alto ml. 3.05. Sulla superficie dovranno esseretracciati l’arco del tiro da tre punti e la sola linea per battere i tiri liberi posta a 5,80 m dalla linea di fondo campo.

COME SI GIOCA:

La gara si disputa ad un solo canestro. Vince la squadra che arriva prima a 24 punti o quella che è in vantaggio dopo 12 minuti di gioco. I 12 minuti di gioco sono consecutivi tranne che l’ultimo minuto in cui il cronometro deve essere fermato come da regolamento FIP. Se al termine dei 12 minuti di gioco il punteggio tra le due squadre fosse in parità, si disputa un tempo supplementare di 3 minuti (i primi due consecutivi, l’ultimo effettivo). In ogni caso se durante la disputa del tempo supplementare una delle due squadre raggiungesse i 24 punti la partita finisce. Il possesso palla da inizio gara è determinato per sorteggio, la squadra sorteggiata inizierà il gioco con una rimessa laterale. Ad ogni canestro realizzato il possesso palla cambia e la palla viene rimessa in gioco con una rimessa dal fondo campo. La rimessa in gioco della palla può essere effettuata sia dal fondo che lateralmente così come previsto dal regolamento FIP. Quando cambia il possesso di palla da una squadra all’altra, la palla deve sempre uscire dall’arco dei tre punti e la squadra in attacco deve effettuare almeno un passaggio prima di poter eseguire un tiro a canestro, pena la perdita del possesso di palla (su rimessa laterale o dal fondo il passaggio obbligatorio è la rimessa stessa).

E’ stabilito il limite di 20 secondi per ogni azione offensiva. L’azione offensiva termina: con un canestro realizzato, con un tiro a canestro fallito che colpisce il cerchio oppure con una infrazione/sanzione rilevata dal direttore di gara.

I PUNTI:

Un canestro vale un punto su tiro libero, due punti su tiro all’interno dell’arco dei 3 punti, 3 punti su tiro al di fuori del medesimo arco.

FALLI E TIRI LIBERI:

Ogni fallo comporta, per chi lo ha subito, sempre la rimessa laterale anche se si tratta di fallo su tiro a canestro, sia nel caso che il tiro a canestro non sia stato realizzato (la squadra che ha subito il fallo mantiene il solo possesso di palla e procede ad una rimessa dal fondo o laterale), sia nel caso che il tiro a canestro sia stato realizzato (il canestro è valido e la squadra che ha subito il fallo mantiene anche il possesso di palla e procede ad una rimessa dal fondo o laterale).

I tiri liberi, che dovranno essere battuti entro 5 secondi da quando l’arbitro mette la palla a disposizione del battitore, sono previsti nei seguenti casi:

– quando una squadra che ha raggiunto il “Bonus” di 5 falli di squadra commette un fallo, sia su azione che su tiro. In questo caso la squadra in attacco avrà a disposizione un tiro libero, che sarà battuto da chi ha subito il fallo oltre al possesso di palla, sia che il tiro libero sia realizzato che sbagliato;

– quando ad una squadra viene fischiato un fallo tecnico, un fallo antisportivo od un fallo squalificante (sono previsti sempre due tiri liberi e possesso di palla a favore della squadra non sanzionata).

Pertanto su tiro libero mancato non esiste mai rimbalzo, il possesso palla rimane sempre alla squadra che ha battuto i tiri liberi. I giocatori coinvolti in rissa dovranno esser espulsi e squalificati dall’intero torneo.

RECLAMI:

Visto la tipologia della manifestazione non è prevista alcuna forma di reclamo.

PER OGNI SITUAZIONE NON ESPRESSAMENTE PREVISTA DAL PRESENTE REGOLAMENTO, FA FEDE IL REGOLAMENTO TECNICO DELLA FIP.